Da Casale ad Agriturismo

Pubblicato il: 12/09/2012

Sono molto pochi gli agriturismi che nascono come tali, la quasi totalità delle strutture non sono altro che il risultato della trasformazione di aziende agricole che, pur continuando a produrre e svolgere il lavoro agricolo, si sono trasformate in agriturismi adatti a ospitare turisti che vogliono, quando vanno in vacanza, rimanere a contatto diretto con la natura e tutto ciò che ne deriva. I problemi per eseguire una trasformazione dei locali aziendali adatta ad ospitare gente sono molteplici e quasi sempre richiedono profonde ristrutturazioni che coinvolgono oltre all’aspetto esteriore anche la struttura stessa dei locali. In genere sono locali poco curati dal punto di vista estetico, in fondo stiamo parlando di case agricole e poderi, che ben poco hanno da spartire con un gradevole impatto estetico, ma ecco che dovendo ospitare gente la parte estetica funzionale diventa determinante. D’altro canto però occorre conservare quel senso di campagnolo e agreste che la gente abituata a questo tipo di strutture richiede. La prima difficoltà sta nel reperire il materiale adatto a conservare lo stile di un casolare agricolo pur se rinnovato profondamente, ci vengono in aiuto le fornaci artigianali che ancora oggi sfornano mattoni fatti a mano come una volta. Abbiamo con questi manufatti la possibilità sia di costruire ex nuovo intere strutture praticamente indistinguibili dalla parte vecchia dei fabbricati, sia di integrare parti vecchie effettuando ampliamenti e ristrutturazioni essendo certi che una volta terminati i lavori sembrerà tutto vecchio o tutto nuovo a seconda di come si vuole vedere il contesto. Vi chiederete come è possibile integrare i mattoni dei pavimenti in cotto vecchi di decine o centinaia di anni con mattoni fatti oggi, ebbene vi assicuro che la differenza è impercettibile, questo perché le fornaci artigianali specializzate in cotto fatto a mano fanno i mattoni esattamente come centinaia di anni fa, li stampano a mano uno per uno con stampine identiche a quelle che usavano i loro nonni, e effettuano la cottura nello stesso forno a legno vecchio di centinaia di anni, poi come se non bastasse sono capaci di invecchiare il mattone simulando il calpestio della gente rendendo il prodotto effettivamente “vecchio”. Chiaramente si sono modernizzati e le fabbriche non sono più a livello casalingo ma sono vere e proprie industrie moderne, ma la modernità e la tecnologia viene in aiuto solo nelle fasi produttive ininfluenti ai fini del risultato finale del prodotto. Un paese che da sempre produce Mattoni fatti a mano per i più svariati usi è Castel Viscardo in provincia di Terni, nato su una cava di argilla immensa ha sempre sfruttato questo materiale per fare suppellettili e materiale da costruzione, infatti molte case del paese sono fatti interamente di mattoni locali, e in questo paese le vecchie fornacine hanno trovato nuova vita e oggi ci sono una decina di grosse fornaci che sfornano una gran quantità di materiale fatto a mano esportato in tutta Europa, e se avete un pavimento particolare o mattoni strani , non temete, basta portare loro un campione e ve li faranno su vostre specifiche esattamente come l’originale. Come immaginerete in genere non si tratta di lavori di poco conto, anche perché la concorrenza del settore è molto forte e quindi si è obbligati a rimanere su standard abbastanza elevati, quasi tutti quelli che amano questo tipo di vacanza preferiscono agriturismi con piscina tanto il prezzo è simile, quindi occorre affrontare anche questa spesa certamente consistente, a proposito il bordo piscina e le rifiniture possono essere fatte sempre con il cotto fatto a mano, si integrerà senz’altro meglio dei materiali soliti per piscine. Come si vede non è una cosa da poco trasformare una casa colonica in agriturismo, senza contare che, coloro che gestiscono, devono imparare il mestiere di albergatore e questo molte volte diventa il discriminante fra una struttura molto frequentata e una con poca gente, I mestieri non si improvvisano, e passare da contadino ad albergatore , non è proprio semplice.